In Primo Piano
In Evidenza
Domenica, 13 Dicembre 2015 18:51

IMU: finalmente giustizia

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
A.R.U.A.L. (Associazione Regionale Università Agrarie Lazio) Rapporti con le Istituzioni
Pubblichiamo per stralcio, l’art. 1 comma 11 del D.D.L. di stabilità (Finanziaria 2016) da cui risulta chiaramente, evidenziato in colore verde che i terreni di proprietà collettiva delle Università Agrarie, ASBUC e Associazioni Agrarie del Lazio (siano essi di montagna, collina e pianura) sono esenti dall’imposta municipale unificata (IMU).
Questo risultato ci piace sottolinearlo come una nostra vittoria condotta insieme alla Consulta Nazionale della Proprietà collettiva di cui l’ARUAL fa parte in quanto socio fondatore, nella quale il nostro Presidente Marian ricopre l’incarico di Vice Presidente.
<<<<<<<<<< 0 >>>>>>>>>>
SENATO DELLA REPUBBLICA
Attesto che il Senato della Repubblica, il 20 novembre 2015, ha approvato il
seguente disegno di legge, d’iniziativa del Governo:
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge di stabilità 2016)
Art.1 comma 11 della Legge di stabilità 2015 11. A decorrere dall’anno 2016, l’esenzione dall’imposta municipale propria (IMU) prevista dalla lettera h) del comma 1 dell’articolo 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, si applica sulla base dei criteri individuati dalla circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993, pubblicata nel supplemento ordinario n. 53 alla Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 1993.
Sono, altresì, esenti dall’IMU i terreni agricoli:
a) posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, iscritti nella previdenza agri-cola, indipendentemente dalla loro ubica-zione;
b) ubicati nei comuni delle isole minori di cui all’allegato A annesso alla legge 28 dicembre 2001, n. 448;
c) a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile. A decorrere dall’anno 2016, sono abrogati i commi da 1 a 9-bis dell’articolo 1 del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2015, n. 34.
<<<<<<<< 0 >>>>>>>>
Letto 1991 volte
Altro in questa categoria: Restyle sito Arual »
Devi effettuare il login per inviare commenti